Atlad 18 – Il fulmine mi guida (settima parte)

 

***

Miriam vide una specie di proiettile fermarsi davanti a lei. Istintivamente, cercò di capire chi fosse, concentrando i suoi sforzi sul cecchino. Il ragazzo aveva capelli corti e curati, un viso marcato e impassibile, un fisico allenato. L’armatura nera che indossava riluceva nei suoi decori di una luce azzurra, quasi bianca. Notò anche alcune gemme, incastrate nei bracciali, simili a quelle che aveva nelle sue manette. Fame, ansia, rabbia… tutto ciò proveniva da quel ragazzo che aveva deciso di sorridere proprio in quel momento.

«Tu sei Miriam, la persona che dobbiamo mettere alla prova come meglio crediamo»

Quella frase la spaventò e Elil lo percepì. Emise uno stridio acuto che suonò, alle orecchie di Miriam, come un’invocazione e aprì il becco da cui partì una piccola sfera rossa che si ingrandiva man mano che si avvicinava all’obbiettivo. La sfera si spense prima di raggiungere la sua vittima.

«Il fuoco si spegne se elimini l’aria» disse saccente il ragazzo agitando la mano che teneva l’arma.

Miriam percepì umidità nell’aria e guardò in alto le nuvole ricoprire il cielo.

«Ma il fulmine viene amplificato dall’acqua» rispose Miriam.

Bella risposta. La voce di Baal risuonò lontana nella sua testa.

«Acqua?» chiese sorpreso il ragazzo. La pioggia iniziò a cadere.

Stein salì in groppa a Nynas e presero il volo. Avrebbe voluto aiutare Miriam, ma doveva imparare, doveva fidarsi di lei. Non poteva distrarsi dalla battaglia, così scelse un nuovo avversario e scese in picchiata con la sua grifonessa.

Miriam impugnò la lancia davanti a sé, decisa a non perdere quella sua prima, vera battaglia. Non era un addestramento, stavolta avrebbe dovuto battersi per davvero.

Il suo avversario, quello che Mark aveva scelto per lei, urlò: «Dal Damnat vi evoco, ubbidite al mio volere ali dell’aria!» e sulla sua schiena apparvero delle ali quasi invisibili, se non fosse per un movimento dell’aria simile alla distorsione creata dal caldo.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...