Atlad 18 – Il fulmine mi guida (seconda parte)

«Vero. Non posso sapere cosa pensa lui, tuttavia sì, è probabile che ti stia evitando. Non si fida totalmente di te e in parte ti ritiene responsabile. Se tu non fossi arrivata, tutto ciò non sarebbe successo. Almeno per lui, a mio avviso se tu non fossi arrivata, non avremmo neanche una minima speranza.»

«Mark… lui ha detto che posso diventare un eroe. Perché dirmi…» Miriam non riuscì a terminare la frase.

«Forse perché ne è convinto.»

«Convinto? Convinto di cosa? Che avrei combattuto?»

«Forse. O forse pensava che tu fossi destinata a essere grande, indifferentemente da tutto questo.»

«Non capisco.»

«Neanch’io, ma è così. Dobbiamo andare avanti, magari sopravvivendo. Non mi dispiacerebbe, sai?»
Miriam si sistemò il velo che le avevano dato, poi continuò: «Hai mai voluto tornare a casa, sulla Terra?»
«No» la risposta di Stein fu secca e perentoria. «Non ho nulla sulla Terra. Forse mi mancano un po’ i comfort, ma non è male in generale.»

Il gruppo arrivò a destinazione, in quella che sembrava una piccola ricostruzione della casa di Stein. Attorno a loro si ergevano rovine, forse in condizioni migliori a quelle che aveva visto, ma in quantità minore. Miriam sentì che qualcosa non andava.

«Non dovevano esserci dei soldati?»

«Sì, potrebbero essersi nascosti» Stein abbassò la voce e portò Nynas avanti agli altri. Miriam lo seguì, lasciando scorrere il suo potere per intercettare qualche presenza sconosciuta.


 

 

Annunci

2 pensieri su “Atlad 18 – Il fulmine mi guida (seconda parte)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...