Atlad 18 – Il fulmine mi guida (prima parte)

Le zampe di Elil sollevavano nuvoloni di sabbia mentre Miriam, in groppa al suo fedele amico, si concentrava sui sentimenti dell’animale. Evitava quanto più possibile gli altri, aveva già abbastanza difficoltà a mantenere a bada la sua ansia, non poteva controllare anche quella di altre cinquanta persone.

«Qualcosa non va, Miri?»

Miriam si voltò di scatto, sperando di vedere suo padre. Miri era il nomignolo che usava quando era preoccupato per lei. Vedere Stein la riportò alla realtà.

«Sì. L’empatia sta diventando un problema.»

Nynas fece uno strano verso e diede una piccola testata ad Elil. Il grifone rispose felice e si strusciò contro l’amica, avvicinando i due cavalieri.

«Cosa intendi?» chiese il soldato.

«Sento… l’ansia degli altri. Già non è facile tenere a bada la mia, figuriamoci quella degli altri.»

Stein rise. Miriam si accigliò, sentendosi in parte offesa da quella risata.</span

«Non venirmi a dire che non sei nervoso, perché so che lo sei.»

«No, Miri. Non ridevo per quello. L’empatia si divide in attiva e passiva. In sostanza la passiva è la tua recezione dei sentimenti altrui. L’attiva, invece, è la tua capacità di trasmettere agli altri quello che provi. Alcuni la usano per calmare gli altri. È un processo lungo, molto lungo e difficile da imparare, ma qualcosa mi dice che tu ci metterai poco… »

«Non è barare? Insomma… posso far provare paura?»

«Non proprio. Puoi far sentire agli altri ciò che senti. Con una o due persone riesci a tenere separato ciò che provi tu da quello che provano gli altri, giusto? Ma perché lo sai. Gli altri non distinguono, per cui se sentono speranza, prenderanno coraggio. Non fai altro che passare in qualche modo il tuo potere.»
«Lo trovo comunque pericoloso.»

«Lo è, del resto potresti convincerli a combattere una battaglia suicida. In ogni caso ricorda che sono i tuoi sentimenti che sprigioni, se sono negativi verranno percepiti come tali.»

Miriam rimase in silenzio, prima di esporre uno dei dubbi che più l’attanagliava.

«Mike … perché non è venuto? Sono io la causa?»

Stein respirò profondamente e pensò a un qualche tipo di discorso, infine, però, rispose solo: «No.»

«Stein, sento quando mi stai mentendo e non sei neanche capace di farlo.»

«Mike è a rischio corruzione, lo stanno addestrando a usare i suoi poteri e a non farsi sopraffare da essi. A differenza di te, ha bisogno di più tempo per prendere confidenza coi suoi poteri.»

Elil starnutì, facendo sobbalzare Miriam. Appena si ricompose, continuò: «Non risponde alla mia domanda, però.»


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...