Atlad 15 – Dal Damnat io ti evoco […] ottava parte

***

Mike non sapeva più cosa fare o pensare. Miriam era davvero dalla loro parte? Perché era andata via? Aveva senso tenere con sé la persona più vicina a Mark? Però anche Stein era stato un suo alleato in passato. Non era un soldato, non aveva mai combattuto delle guerre vere, ma la morte di Frey l’aveva distrutto. Qualcosa in lui si era rotto, spezzato. L’aveva persa quando aveva deciso che le sarebbe stato accanto anche con tutti i loro problemi, quando aveva smesso di considerarla per scontata…
Mike bussò alla porta del maestro Kian. Kian era un maestro guaritore e il ragazzo era disposto a farsi analizzare per evitare problemi futuri.

La voce del vecchio lo raggiunse, invitandolo ad entrare.

«Buon giorno Mike, Soraya vuole che ti controlli. Sdraiati lì»

Senza rispondere, si diresse verso il lettino che usava Kian per le analisi.

L’anziano uomo si avvicinò e Mike venne avvolto da scie azzurre che gli vorticavano attorno. Le lasciò fare fin quando Kian non disse: «Mike, sei a rischio rottura… in realtà potrebbe essere anche corruzione. Dobbiamo agire il prima possibile»

Mike si alzò di scatto, passando in mezzo alle scie che si distrussero e poi si ricomposero attorno a lui.
«Corruzione?»
«Sì, ragazzo. Sarebbe meglio che passassi anche dalla sala circolare più tardi, a quanto pare hai sviluppato un qualche tipo di rapporto con la magia»


Annunci

Un pensiero su “Atlad 15 – Dal Damnat io ti evoco […] ottava parte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...