Capitolo 14 – Addio (settima parte)

«Energia. Il portale non si alimenta da solo, per ora può portare tre o quattro persone alla volta e ci vuole un sacco di energia, per questo non é passato subito: voleva prima conferme e a lui la Terra piace. Miriam è una batteria vivente molto carica, potrebbe fare avanti e indietro molto facilmente»
«Se gli piace perché distruggere tutto?» chiese Soraya.
«Perché… perché sa che il mondo non ha speranze. Perché è convinto che neanche i gesti dell’uomo più puro siano senza conseguenze. In migliaia di anni si è convinto che la razza umana è da condannare. Non so se vuole salvare qualcuno, non so come potrebbe pensare quest’uomo… è solo un pericolo per la maggior parte della gente»
«Ok, come lo fermiamo un dio immortale? Abbiamo un’ammaza dei?»  chiese Keiko.
«Forse sì»
Alle parole di Soraya, la sala piombò in un silenzio totale.
«Forse… sì?» proruppe Mike dubbioso e squadrò Soraya.
«Che vuol dire, forse sì?»
Soraya chiuse gli occhi e avvicinò le mani chiuse a pugno l’una dentro l’altra, davanti a sé. Ripensa alle parole che Selian le aveva detto prima di quella riunione e si chiese quanto potesse rivelare senza che la credessero pazza.
“Penso che Miriam sia una chiave. Potrebbe evocare una delle armi demoniache”
No, non poteva dire una cosa simile. Neanche lei ci credeva e non capiva per quale assurda ragione lui avesse potuto anche solo pensare una cosa simile. Nata sulla Terra poi. Però le armi demoniache potevano essere evocate, era già stato fatto in epoche passate, bisognava solo trovare il modo e il luogo più appropriato.
«Forse abbiamo trovato un centro che possa aiutarci a evocare la Lancia del Fulmine, forse non è del tutto un caso se Miriam è arrivata da noi»
Mike rise.
«Questa poi. Quindi lei è in grado di evocare una vecchia arma leggendaria, lei è in grado di aprire il portale, lei… chi cavolo è lei? Un’ umana, come tutti noi, una terrestre per giunta. Un esterno, non dissimile dalle persone che hai davanti»
«Mike, – lo interruppe Stein – i geni esistono»
Il ragazzo sbuffò. Non ce l’aveva con Miriam, solo che dove andava lei succedeva qualcosa. Non voleva prendersela con la ragazza ma c’era una parte di lui che aveva bisogno di un capro espiatorio, e quel qualcuno era lei. Si sentiva anche in colpa per questo suo odio, sperò con tutto se stesso di riuscire a perdonare, un giorno.
Si alzò.
«In ogni caso dobbiamo aspettare che la trovi quest’arma. Io me ne vado»
«Mike, passa dal maestro Kian per favore. Digli che voglio ti faccia un controllo» La voce di Soraya non ammetteva repliche: dura e sicura come i muri che circondavano Koliat.
Mike annuì ed uscì, lasciando gli altri intenti a discutere.
«Cosa ci stai nascondendo?» Stein fissava Soraya intensamente.
«Nulla di cui sono sicura. Miriam deve solo trovare un centro abbastanza potente che l’aiuti il più possibile a evocare la Lancia. Il problema dopo… avrà il coraggio di ucciderlo?»
«Cosa fa questa lancia?» chiese Melanie.
«Tutte le armi demoniace sono in grado di lacerare in qualche modo il flusso magico. In particolare la lancia può mandare in cortocircuito incantesimi. Potrebbe recidere il legame che tiene ancorato Mark a questo mondo» Soraya si appoggiò alla sedia e rilassò le braccia.
«Quindi è come se… gli desse più energia? Non rischia di potenziarlo?» Jackob era titubante.
«É una lancia, lo trafiggerà. E se non ce la fa… allora non avremo più in mano nulla per fermarlo»
«Imprigionarlo?» chiese titubante Keiko.
«Infattibile. Mark ha assorbito i poteri di Eoin, Frey e in parte quelli del collare. Possiamo pensare a un piano di riserva, ma senza gli incantatori degli altri continenti non ne abbiamo neanche l’energia»
Stein si alzò.
«Vado a sfogarmi. Tanto qui siamo a un punto morto»
«Sì. In effetti ormai ho detto tutto. Potete andare»
Si alzarono tutti dal tavolo e lasciarono la sala vuota eccetto che per Soraya, che rimase lì a fissare il vuoto, con la bruttissima sensazione di essere sul punto di cadere nel vuoto.

 


Annunci

16 pensieri su “Capitolo 14 – Addio (settima parte)

  1. Come si sfogherà mai il mio Stein? ❤ v ❤
    Sono pazza di lui, lo sai… comunque parlando della storia è sempre più intricata e spero di leggere presto il seguito per capire come e quando gli altri si uniranno a Miriam. Spero che non debba affrontare tutto da sola, ma che al suo fianco ci siano le ultime persone per lei importanti.
    🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...