Flashforward – Missione 1, l’accampamento dei troll [prima parte]

Dopo aver parlato con il master di questa campagna, ho preso una decisione. Decisione che tocca più che altro le persone che questa campagna l’hanno giocata. Visto che sono successe cose che per un gioco andavano bene, ma per una storia strutturata no (insomma, a molte cose non si è pensato, se scrivessi una storia ESATTAMENTE come l’abbiamo giocata sarebbe strapiena di buchi di trama…) ho deciso che alcune cose verranno modificate a mia discrezione.

E fu alle porte del tempio di cristallo che gli ingranaggi della ruota del Destino iniziarono a muoversi. Il Fato alza il sipario: “Entrate in scena”, questi i comandi.

Doveva fare in fretta.
I primi raggi del sole facevano timidamente capolino all’orizzonte, annunciando la venuta dell’alba e la fine della notte. Dinanzi a lui si ergeva alta e massiccia la roccaforte di Falkedorf, luogo scelto per essere la sede del piccolo esercito mercenario noto come i Falchi Bianchi. Le alte torri di guardia non avevano appigli che potessero risultargli utili per un eventuale scalata e il rischio di essere visto era alto, specie poco prima del giorno. La figura incappucciata guardò il dorso della sua mano su cui, grazie a un incantesimo, una freccia gli indicava chiaramente il suo ultimo obiettivo: una finestra al quarto piano. Non gli era stato detto molto sulle due ragazze, tranne appunto, che erano di sesso femminile e maledisse quella insana decisione di mandare proprio lui a consegnare tutte le lettere in una notte sola. Aveva perso la sua serata alla fine. Gli scappò un sospiro di cui si pentì immediatamente: in quel luogo erano addestrati a sentire i fili d’erba che si sfioravano a causa del vento. Un brivido gli attraversò la schiena nonostante fosse ancora esterno alla roccaforte, le sue mura accrebbero in lui un senso di ansia e paura di cui si vergognò immediatamente. Si alzò in volo grazie al piccolo incantesimo lanciato dalla maga bianca per quella notte. Sentì il vento fresco sulla pelle nuda sotto il mantello e una piccola sensazione di euforia lo travolse: amava volare e non vedeva l’ora di poterlo fare senza l’uso di intermediari. Raggiunta la finestra corretta, cercò di guardare dentro la stanza buia provando a immaginare almeno le forme delle due donne che dovevano avere un fisico ben allenato dall’addestramento dei Falchi, ma il riflesso sul vetro di un raggio di sole lo fece desistere velocemente: le avrebbe riviste poche ore dopo, era inutile rischiare per la curiosità. Prese l’ultimo degli inviti e lo appoggiò al vetro della finestra che inglobò la busta, andando a posarsi sul comodino accanto al letto di una delle due, quasi senza fare rumore.

Quasi.

Non si accorse di due occhi castani che lo osservarono curiosi andare via, notando principalmente il tatuaggio che gli copriva la schiena, in un punto lasciato scoperto dal logoro mantello: una croce nera sormontata da due piccole ali.


Annunci

20 pensieri su “Flashforward – Missione 1, l’accampamento dei troll [prima parte]

    • In Atlad è stata una sofferenza ma era anche un po’ assorbita come cosa… è una storia vecchia e quelle morti… bé, erano necessarie ai fini della trama. Il problema di GoT è che 1) sono molto più propensa per l’high fantasy io, se non si era notato XD 2)diciamo che alcuni fan me lo hanno fatto andare in odio… ogni volta che si postava la recensione di un film, di un fumetto, di un qualsiasi cosa era tutto un “oh! ma c’erano alcuni Lannister dentro!!!” oppure “ma come, ti piace il fantasy e non leggi GoT?!” come se il genere lo avesse inventato lui… e poi a questo punto aspetto l’ultimo e me la leggo in fila u.u

      Mi piace

    • Capisco… Quei fan lì li odio, rovinano il capolavoro di Martin, lo fanno odiare a tutti.
      Sì, in effetti mi sono accorta che a te piace l’high XD anche a me comunque, ma adoro anche intrighi di corte e simili (L’undicesimo re, coff, coff xD mi dicono che ho preso ispirazione da Got, ma non è vero, maledizione!)
      Atlad è una storia bellissima… in qualunque modo finisca penso proprio che continuerà a piacermi. Le morti ai fini della trama sono necessarie 🙂 perciò capisco…

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...