Capitolo 13 – Il Damnat (terza parte)

«Difficile che qualcuno si inoltri fin qui nel Damnat, io sono Selian. Chi è la signorina tanto coraggiosa con cui ho l’onore di parlare?»
Non sembrava la stesse prendendo in giro e le lasciò la mano non appena smise di parlare.
«Miriam»
«Oh, l’invocatrice del fulmine? Soraya mi detto che sei parecchio promettente, non è da tutti modificare il tempo atmosferico»
L’uomo le sollevò il viso dolcemente per osservarlo meglio. L’ombra della preoccupazione oscurò i suoi occhi penetranti.
«Cos’hai? La tristezza non si addice a una condottiera»
«Condottiera? Io non sono una condottiera» rispose Miriam chiedendosi perché gli avesse permesso di avvicinarsi così tanto.
«No? Eppure hai la luce negli occhi di chi è pronto a sguainare la spada per difendere ciò che le è caro»
La ragazza si rabbuiò e si rinchiuse a guscio, distogliendo lo sguardo dall’uomo.
«La persona per la quale avrei dato la vita l’ha invece tolta a chi volevo bene… se sguainassi la spada sarei capace di tagliare la stessa mano che la regge»
«Perché?»
La ragazza guardò l’uomo in piedi davanti a lei.
«Non credo di aver capito»
Lui si sedette di nuovo sull’erba e la fissò con uno sguardo che sembrava trafiggerla.
«Perchè lo avrebbe fatto. Ti odia forse? Vuole farti soffrire?»
La ragazza guardò il demone chiedendosi cosa la spingesse a fidarsi e finì col ricordarsi che ‘Selian’ era il nome del demone che aveva promesso di aiutarli.
«Secondo Eoin no. Lui… no, non credo che Mark mi odi o avrebbe ucciso Stein altrimenti. Perché mi aiuti? Perché sei qui?»
«Perché non dovrei farlo? Alla tua seconda domanda, all’alba attaccheremo un villaggio che alcuni criminali usano come sede, liberando gli abitanti e ottenendo un comodo avamposto militare. Questo posto mi aiuta a rilassarmi e a sviluppare nuove tattiche»
La ragazza si sedette davanti a lui incrociando le gambe, decisa a fidarsi, del resto avrebbe sempre potuto folgorarlo se l’avesse attaccata. Una piccola lucina si adagiò sulle sue gambe, riscaldandole il cuore.
«Io non posso combattere contro di lui, non posso odiarlo… non ci riesco»
«Ovvio, è la persona che ami, probabilmente tendi a perdonargli tutto. O forse c’è dell’altro?»
«E cosa potrebbe esserci d’altro? Ha ucciso Frey!»
«Sai che il nome Mark Veil é associato a un paio di vecchie storie? In tutte queste favole, Mark è un generale che, preso dalla pietà, non uccide una bimba che sarà poi causa della tragedia che ha causato la fine dell’antica civiltà. Se ci fosse un fondo di verità allora forse i suoi atti sono la conseguenze di qualcos’ altro»
«Come fai a sapere di Mark?»
«Sei qua dentro già da tre giorni, è stata Soraya a parlarmi di Mark, fra poco verremo risvegliati entrambi»
Miriam abbassò totalmente le difese, decidendosi a fidarsi del tutto.
«Che altre ragioni avrebbe potuto avere?»
«Soraya mi ha detto che Frey aveva dei problemi di cui non vi ha parlato. Inoltre ha detto una cosa interessante: gli ha parlato. Gli ha riferito qualcosa prima che lui agisse»
«Ma allora dovrei perdonarlo?»
Selian si alzò in piedi.
«No. Sei tu a dover decidere cosa fare, ma non agire d’istinto o per vendetta, ragiona sempre sulle tue mosse. Sei in una posizione scomoda, troppo scomoda. Mark si è rivelato e tu sei la persona a cui lui tiene di più. Stai molto attenta alle tue scelte, se decidi di stare con lui non potrai tornare indietro e saremo nemici. Potresti fargli cambiare idea, ma fare ciò su un ragazzo millenario non è semplice, se ha deciso che questo mondo è da spazzare via, lo farà e nessuno può impedirgli di farlo. Infine puoi sfidarlo apertamente, ma queste sono scelte che esulano i tuoi sentimenti, puoi amarlo e contrastarlo allo stesso tempo, sta a te decidere se la scelta giusta risiede nello stargli accanto o combatterlo. In ogni caso, non avrai la felicità, non nell’immediato comunque»
Miriam si alzò di scatto, era spaventata e nervosa, avida di saperne di più.
«Spazzare via?»
Selian abbassò la testa inclinandola di lato, come se stesse ascoltando qualcuno che gli sussurrava nell’orecchio.
«Il tempo è scaduto. Parleremo ancora tramite le gemme e i cristalli. Comunque sì, se é davvero colui che l’Ordine cerca allora Mark vuole spazzare via il genere umano in ogni sua forma. Ti contatterò più avanti, per ora fai chiarezza come puoi nei tuoi sentimenti»


Annunci

16 pensieri su “Capitolo 13 – Il Damnat (terza parte)

  1. Intrigante come capitolo, Selian è parecchio figo nei modi di fare (non come il mio Stein, però u.u ) e per il fatto che Miri non può odiare Mark perché lo ama, tranquilla, lo odio abbastanza per tutt’e due xD
    Continuiamo a vedere come va a finire… :3

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...