Capitolo 13 – Il Damnat (prima parte)

Mike era sdraiato sul letto, quello stesso letto che qualche ora prima aveva condiviso con Frey. Altro che spada, non aveva potuto fare nulla contro Mark, quel bastardo gli aveva tolto il suo scudo, la sua colonna. Una parte di sé voleva dare la colpa a Miriam, ma tutti loro c’erano cascati: nessuno aveva visto la verità dietro gli atti di Mark. Si toccò il petto dove lo aveva colpito ma la ferita era guarita pochi secondi dopo la fuga del ragazzo.

I maestri non sapevano spiegarselo, ma secondo Soraya semplicemente non era sua intenzione ucciderlo. Doveva riprendersi, essere forte ed iniziare ad allenarsi decentemente, ma a così poca distanza dalla morte di Frey, voleva solo abbandonarsi al dolore che gli straziava il cuore e tutti gli organi interni, almeno per qualche ora.

***

“Stein, hai mai pensato di convogliare questo tuo istinto suicida di fare l’eroe a ogni costo in qualcosa di più importante?”
“Polizia?”
“La polizia non ti farebbe sfogare abbastanza, che ne dici dell’esercito?”

No. Ricordo sbagliato.

Gli anni passarono lasciando quel giudice indietro mentre un altro prendeva forma davanti a lui.
«Io… quello che hai fatto è stato encomiabile ed eroico. Tuttavia hai disobbedito a ben due ordini diretti… »

Cavolo. Neanche questo.

«Mi chiamo Aliat e lui è Tarn. So chi sei e cosa hai fatto, ti va di unirti  a noi? Non ci sono superiori…»

Nemmeno.

«Non so neanche cosa sia un’ato! »
«Auto, non ato»

Alt. Questo no. Fa male e basta.

«Ci pagano! Che ti frega, Stein! Usare la magia, avanti! Vuoi rinunciarci per cosa? Una donna?»
«Mi avevi detto che erano criminali! Terroristi intoccabili!»
«Molti lo erano. E gli altri… nessuno è un santo»

Quasi…. lo sentiva.

«Basta Aliat. Il suo desiderio è…  comprensibile, ma ho bisogno che vi infiltriate, riesco a capire che qualcosa non va, qualcuno mi chiama, ma nel modo sbagliato. Dovete entrare e per farlo dovete obbedire. Ucciderne dieci per salvarne cento»

Eccolo. Mark. Quasi vent’anni prima, identico, ma più glaciale e freddo.

«Non ci sto»

Stein aprì gli occhi. Lui sapeva chi era Mark, o almeno lo aveva già visto. Cercò di alzarsi e capì di essere nella sua stanza. Tutto attorno a lui era familiare ma non aveva più la stessa importanza. Si spogliò per controllare che non avesse ferite o segni strani, si rivestì e si diresse verso lo studio di Soraya: sentiva la necessità impellente di parlarle. La sentì da fuori lo studio, stava discutendo con qualcuno animatamente riguardo alla possibilità di istituire un esercito, ma non capiva chi. Bussò nell’esatto momento in cui nella stanza calò il silenzio, chiedendosi se la riunione fosse a distanza. La voce di Soraya era stanca mentre lo invitava a entrare nello studio.
«Ciao, Stein. Come stai?» disse la maestra vedendolo entrare.
«Stanco di tutto. So chi è Mark comunque, si tratta di un ragazzo di vent’anni che non invecchia, ha cresciuto Aliat e Tarn»
«Sì be… se ha ragione il compagni di corso di Miriam, Mark è più vecchio di questo edificio, ha trovato un suo ritratto in alcuni vecchi manoscritti che tramandano racconti. Mark Veil è un nome ricorrente»
«Come l’ha presa Miriam? Lei sapeva qualcosa?»
Soraya lo guardò respirando profondamente per prendere tempo e cercare le parole giuste.
«No, non sapeva nulla ma… ho temuto facesse la fine di Frey. Per un attimo ho avuto paura di vederla crollare»
«Ma…?»
«Ma è andata in camera e ne è uscita un’ora dopo con gli appunti, chiedendo di poter viaggiare nel Damnat»
«Perché? Come faceva a sapere del Damnat? »
«Lo ha sentito a lezione. Le avevano spiegato che è il luogo della riflessione ed il fulcro della magia. Domani le forzeremo il risveglio comunque»
«Domani? Quanto tempo sono stato svenuto?»
«Due giorni… in uno stato di trance»
«Perfetto» sospirò l’uomo facendosi passare la mano sul viso.

***


Annunci

8 pensieri su “Capitolo 13 – Il Damnat (prima parte)

    • Non potevo farlo iniziare allegro^^° Non dopo il finale del 12… Se restringo i post arriveranno più in fretta, ma per ora bisogna aspettare che ritorni da Lucca, non mi va molto di programmare i post delle storie, quelle preferisco tenerle sott’occhio

      Liked by 1 persona

  1. Non so sinceramente che dire, sono stata l’unica a diffidare di Mark dal primo momento? Ma non è proprio quello il punto, questo inizio di capitolo trasmetto un pochino il senso di vuoto generale.
    Ormai l’armonia che tanto ho amato in questa saga si è completamente sgretolata un tassello alla volta ed è rimasto un buco enorme.
    Con tutto quello che è successo, è quasi consolante sapere che almeno Soraya è ancora al suo posto, per ora, è rimasta l’unica certezza di un tempo passato che non tornerà più.
    ç____ç

    Liked by 2 people

    • No, anche Alice e Mattia non si fidavano del tutto. Soraya è l’unica per ora che è fissa nel ruolo perchè è un personaggio che sente addosso le responsabilità dell’essere maestra, cosciente che non può abbattersi e che il tempio praticamente si basa su di lei

      Liked by 2 people

  2. Finalmente riesco a recuperare pian piano tutto quanto *^*
    Allora prima di tutto volevo complimentarmi per l’inizio. Come pure hai detto a Irene dovevi mantenere l’atmosfera che si era instaurata nel capitolo 12 e secondo me ci sei riuscita benissimo! Queste righe dedicate a Mike e al suo dolore mi sono piaciute moltissimo perchè hanno reso il personaggio molto ben caratterizzato e lo hai descritto molto realisticamente. Un modo molto bello per iniziare questo capitolo (bello… beh proprio bello no xD non è proprio allegro ahha)
    Stein… anche il tumulto del passato di Stein ha reso una gran bella introspezione *^*
    Molto interessanti anche gli accenni a Mark!
    Beh che dire… non ho finito di studiare (xD la tentazione era troppo grande) e ora vado a leggere i seguito *^*

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...