Prima della fine

Questa storia partecipa al Concorso di Scrittura Creativa Alice Raynor’s hall.

Il tema scelto è stato ‘spettri’ e io ho pensato di fare una piccola introspezione di un mio personaggio di una campagna di D&D di cui sto elaborando la storia per poterla un giorno mettere per iscritto. Se volete saperne di più qui potrete trovare maggiori informazioni, in ogni caso ho cercato di renderla il più possibile chiara a chi non conosce le vicende, sperando di esserci riuscita, ecco a voi la mia storia per il concorso.

Il disegno è un mio elaborato, si prega di non togliere la firma

Mancano pochi minuti all’alba del giorno della battaglia decisiva e poche ore al risveglio dei guerrieri.

Noi, ultimo baluardo di un’impresa disperata; noi, decisi a non arrenderci al male che vuole divorarci; noi che non siamo eroi ma solo disperati, attenderemo il loro arrivo poco al di fuori delle mura di Transyl, la capitale che ancora si erge e resiste alla fine.

Noi.

Tuttavia la notte è mia: ci sono solo io, l’eterna e vigile custode dei ricordi di questa follia che prende il nome di guerra, che cammino decisa tra i corridoi di un castello in declino e non più incantato, attraverso dedali di mura che mi conducono alla mia meta, palesando una sicurezza che è solo pallida imitazione delle sue movenze che incatenarono il mio cuore al suo, quella prima volta che lo vidi così tremendamente solenne nella sala del trono del suo alleato.

Mi è parso di nuovo di sentire le loro voci durante questo mio piccolo pellegrinaggio. Nonostante le pareti siano solide e forti, come è forte la mia fiducia in lui, mi sento come sull’orlo di un baratro oscuro dal quale emergono le urla di chi ho lasciato dietro di me in questi anni. Le persone che mi hanno cresciuta e che si sono lasciate andare arrendendosi al fato, le persone che ho incontrato e che sono cadute, le persone che ho ucciso con le mie stesse mani allo scopo principale di accrescere la mia esperienza. Il vento, che ulula tra gli spifferi di un maniero incantato che sta esaurendo la sua energia, grida con la volontà tutta umana di distruggere ciò che non può avere: quando ci sarà riuscito, io avrò perso la mia neo ritrovata voglia di vivere insieme alla mia esile speranza di essere qualcosa di più per la persona in cui ho riposto, follemente, la mia completa fiducia. Io ti prego, vento che conti come un usuraio implacabile le ore che mancano alla fine, tu, creditore avido di riottenere quel briciolo di felicità che avevo ottenuto, porta il mio messaggio a coloro che non ci sono più: mi dispiace.

Mi dispiace di non essere stata abbastanza importante per spingerti a vivere, fratello; mi dispiace di essere stata così debole da non riuscire a controllare un potere così forte; mi dispiace di non aver fatto di più per evitare di arrivare a questo punto di non ritorno; mi dispiace di aver dubitato quando non avrei dovuto di colui che amo; mi dispiace di aver dato alla luce una vita che potrebbe essere distrutta a così poco tempo dalla nascita.

Mi dispiace…

Raggiungo il mio obiettivo e apro la porta di legno massiccio, nera e complessa come l’anima che risiede oltre quell’uscio. Lui è lì, inconsapevole delle mie visite notturne, quando tutti dormono e nessuno ha più bisogno di me. Io amo l’oscurità, l’ombra e la notte. Il mondo si ferma, i rumori tacciono e i colori si spengono. Mi siedo per terra guardando la vostra forma attuale, così indefinibile e sempre diversa, che racconta, semplicemente mostrandosi, il pericolo che corre colui che si avvicina a voi e che vorrei fosse lo stesso in cui incorre chi osa far del male a me.

Che sia la follia senza senso di una donna innamorata e non corrisposta? Eppure voi, Dio di questo mondo, mano scarlatta distruttrice di vita, nosferatu che si ciba di sangue umano, voi…  non avete esitato a salvarmi dalle torture del mio aguzzino, leggendo nei vostri occhi, forse errando, ira.

Tempo che scorri implacabile, rendimi qualche secondo del mio passato per comprendere se anche lui provi qualcosa, per poter placare l’urlo straziante del mio cuore.

Desidero più di ogni altra cosa al mondo poter stringere tra le mie braccia l’unico uomo che abbia mai amato, vorrei cullare il mio bambino dimenticandomi per un attimo di quei sentimenti di vendetta e dolore che per tanti anni sono stati i compagni più fedeli di una vita distrutta dal tradimento.

Ironico.

Sto per scendere in guerra, rischiando la mia vita, quella dei miei compagni d’avventura e di quei pochi guerrieri che hanno capito che l’unica via per evitare una lunga e dolorosa agonia è quella di non arrendersi, sto per combattere una battaglia che in caso di vittoria mi farà entrare nella storia come uno degli eroi che ha salvato il mondo e il mio unico rammarico ora è di non poter fare la cosa più naturale e semplice del mondo.

Il mio desiderio più puro e delicato, forse la mia unica volontà completamente disinteressata, non potrà essere esaudito. Sono mesi che lui ci difende, rinchiuso nella sua stessa mente e soggiogato dai suoi stessi poteri, così vicino a me, a pochi passi da me, amorfo ma vigile come se stesse perdendo se stesso in una nera massa orrenda e dissacrante che si modifica in tante forme ma mai nella sua.

E io qui osservo, inutile, attendendo l’alba, raro evento che rischiara questo continente che precede il suo giorno semestrale, io che sono del tutto inutile osservo i suoi spettri prendere forma usando la materia che una volta era il suo corpo, deboli anime che egli stesso ha assorbito in preda alla sua sete di sangue.

Cosa avete provato, quella meravigliosa notte, in cui mi avete chiesto di essere vostra?  Puro piacere carnale o c’era qualcosa di più?

Io qui, seduta a terra osservo voi che soffrite, impotente, desiderando di darvi conforto e in attesa che qualcosa accada, voi siete qui davanti a me ma io non ho neanche la possibilità di dirvi, almeno una volta ad alta voce ciò che provo prima che possa finire tutto.

È stato facile dare riposo a fantasmi e anime sventurate, mettere a tacere le risate degli stolti che si sono messi sulla mia strada, sciogliere maledizioni che incombevano su discendenti innocenti ma gli spettri… loro sono dentro di me, vivono nella mia testa, non mi danno pace e non se ne andranno alla fine di questa battaglia. Gli spettri che mi perseguitano e che causano il mio dolore non sono reali. Lo so perchè non mi darebbero la colpa, non mi accuserebbero mai puntandomi un dito contro come solenni giudici di bianco imparruccati davanti al più bieco dei traditori; sono solo l’incarnazione dei miei sensi di colpa e dei miei sbagli e finché non troverò la forza di cacciarli, rimarrò per sempre condannata a vagare nel mio stesso dolore, impossibilitata da nessun altro se non me stessa a provare felicità.

Annunci

27 pensieri su “Prima della fine

  1. Pingback: Storie del Bando I – Sfida di Scrittura Creativa Raynor’s Hall | Alice Jane Raynor

  2. Ciao, eccomi qui per il contest! Molto bello anche questo componimento, sono molto contento di vedere come il tempo “spettro” sia stato trattato in maniera così variopinta… e poi ci sono io che ho parlato di un fantasma LOL ad ogni modo, anche se si tratta di un tuo personaggio di D&D la storia è scritta benissimo e non ho avuto difficoltà alcuna a capire cosa si dicesse e ad entrare nell’introspezione della donna. Ben fatto!

    Mi piace

    • Grazie ^_^ su quel personaggio ho scritto molto e ogni tanto sistemo e pubblico qualcosa su di lei, voglio scrivere qualcosa di più su quella campagna e i miei personaggi di D&D sono ottimi per esercitarmi a scrivere, conosco la loro storia e conosco i loro sentimenti. Appena ho visto qual era il tema ho voluto cimentarmi in questo esperimento ^_^

      Liked by 1 persona

  3. Sono piacevolmente sorpresa. L’inizio è quello di una ragazza decisa, che sa quello che vuole, che non aspetta che siano gli altri a fare le cose. Almeno, questo mi sembra di percepire della tua persona attraverso il tuo modo di scrivere
    Al principio sembra che siano delle persone nel mirino della narrazione, ma poi il punto di vista cambia e a quel punto la situazione non mi è molto chiara…

    Liked by 1 persona

    • Temevo che fosse poco chiaro ^^° in pratica lei ha avuto molti dubbi e ha paura di sbagliare perché teme di perdere qualcuno di importante (anche la sua amica d’infanzia deve scendere in battaglia con lei)tra cui anche la persona che ama e a cui non ha ancora potuto dire ciò che prova e suo figlio di pochi mesi. È una persona che ragiona molto prima di agire perché ha già perso tanto (il fratello morto suicida, i genitori morti in circostanze strane, lei stessa è stata causa di una strage non voluta). Ora si trova a combattere per la salvezza del mondo, se fallisce non ci sarà un dopo e sente gli spettri del suo passato bussare alla porta.

      Liked by 1 persona

    • Sì, qualcosina di più articolato c’è, cliccando sul link che ho messo all’inizio c’è un finale alternativo che ho usato come esercitazione che si intitola ‘La Rinascita’ oppure qualche storia breve e altre arriveranno successivamente.

      Liked by 1 persona

  4. Ciao, devo dire che all’inizio ho avuto qualche difficoltà a comprendere il tutto, forse perché non sono abituata a uno stile così… non saprei come definirlo… quasi poetico, altisonante, molto elegante. Avendo io uno stile anche troppo semplice, forse per questo ho avuto qualche difficoltà.
    Ma questa introspezione particolare e profonda mi è piaciuta e amerei una storia così in un romanzo.
    Quindi i miei complimenti 🙂

    Liked by 1 persona

  5. Particolare, decisamente particolare la tua storia e lo stile che hai adottato. Ho letto che forse arriverà una storia lunga e che cambierai probabilmente stile. La scelta è saggia. Un tale tono potrebbe reggere solo per pochi minuti, viceversa andrebbe ad appesantire troppo l’intero racconto o romanzo. In questa forma “breve” invece è a dir poco perfetto. Complimentoni!!! ^^

    Liked by 1 persona

    • Grazie^^ Sì, uno stile così introspettivo sarebbe troppo pesante temo. Di conseguenza è probabile che lo terrò più leggero, ma prima devo finire Atlad ^^ grazie mille ^^

      Mi piace

  6. Finalmente riesco a passare e recensire *^*
    Da tempo l’avevo letta, come ben sai, ma solo adesso ho potuto rileggerla e darle un giusto commento ^^
    E’ una storia complessa, sia perchè in poco tempo hai dovuto spiegare al lettore una storia di cui non è pienamente a conoscenza e devi far passare un introspezione non indifferente. L’ho apprezzata moltissimo ^^
    Prima di tutto come dicevo è molto difficile chiarire in pochi caratteri una tale fetta di storia e mi hai incuriosita al punto di voler leggere altro di questo personaggio ^^ (quando avrò tempo T.T abbi pietà xD) Ho amato l’introspezione, questa preparazione dal punto di vista psicologico e fisico. Anche la lunghezza gioca a favore, poichè non fa diventare il pesante il tutto ma solo più interessante e vuole far conoscere di più sulla protagonista ^^
    Complimenti 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...